societa italiana obesita

Società Italiana dell'Obesità

Informazione ed aggiornamento per i professionisti dell'Obesità

obesita

Sezione Regionale Veneto - Friuli Venezia Giulia - Trentino Alto Adige

 

I Video ...

 

Le InterViste ...

 

MultiMedia...

 

Workshop ...
"Endocannabinoids in Endocrinology, Metabolism and Cardiovascular Diseases"

 

Logo PubMed

ObesitÓ e Infiammazione

di Alessandro Scarda e Roberto Vettor

Ricevi gli aggiornamenti di questa sezione

L'Obesità: una malattia infiammatoria

L'obesità e le condizioni metaboliche ad esse associate (diabete mellito tipo 2 e Sdr. metabolica) sono caratterizzate da una risposta infiammatoria cronica di basso grado caratterizzata da una alterata produzione di citochine, aumento delle proteine della fase acuta e modesto aumento della proteina c-reattiva (PCR). Il tessuto adiposo sembra responsabile, almeno in parte, della flogosi cronica del soggetto obeso.

Infatti:

Il Tessuto Adiposo: un organo endocrino

Il tessuto adiposo è  in grado di secernere  molecole che fungono da segnale autocrino/paracrino o endocrino che modulano la funzione del tessuto adiposo e influenzano la funzione di altri tessuti/organi: muscolo scheletrico, fegato, sistema nervoso centrale, cellule b-pancreatiche, gonadi, organi linfatici ed apparato cardiovascolare.

Le sostanze più importanti prodotte dal tessuto adiposo sono riassunte in tabella.


Adipochina



Azione Biologica


Leptina Regola la funzione ipotalamo-ipofisiaria, immunitaria, riduce l'appetito
Adiponectina

Modula l’insulino-sensibilità;  ha azione vasoprotettiva e antiinfiammatoria

Resistina

Induce insulino-resistenza nel fegato e msucolo; ha azione pro-infiammatoria

Visfatina

Azione insulino-simile

TNFα

È coinvolto nella disfunzione endoteliale e l’aterosclerosi; induce l’insulino resistenza

IL-6

Pro-infiammatoria, pro-ateroclerogena

IL-8

Pro-infiammatoria; pro-ateroclerogena

MCP-1

Induce chemotassi di monociti e cellule endoteliali in siti infiammatori

Adipsina

Fattore D del complemento, stimola la sintesi dei TG

RBP4

Induce insulino-resistenza nel muscolo

PAI-1

Inibisce la fibrinolisi; promuove il rimodellamento vascolare; i suoi livelli correlano con il rischio cardiovascolare


 

La Leptina

Gli adipociti sono la maggior sorgente di leptina e i livelli circolanti correlano strettamente con la massa adiposa. Il ruolo primario della leptina è il controllo dell’appetito e la regolazione della funzione endocrina ipotalamica. Essa esercita anche azioni immunitarie ed infiammatorie. Protegge i linfociti T dal processo di apoptosi e regola la proliferazione a attivazione delle cellule T e la produzione di citokine,  influenza inoltre l’attivazione di monociti, la fagocitosi.

L'Adiponectina

I livellli di adiponectina sono inversamente correlati all’obesità e all’insulino-resistenza. Essa svolge azione anti-aterogena ed anti-infiammatoria. Nei soggetti affetti da coronaropatia vi sono bassi livelli plasmatici di adiponectina, analogamente a quanto riscontrato in altre condizioni di rischio cardiovascolare, quali sesso maschile, ipertensione arteriosa, obesità e diabete mellito tipo 2. L’adiponectina riduce la produzione e l’attività del TNFα; la sua attività antinfiammatoria si estende all’inibizione nella produzione di IL-6 ed all’induzione di citokine ad attività antinfiammatoria (ad es. IL-8).

IL-6 e TNFα

TNFα e le interleukine (IL-1 e IL-6) sono noti mediatori della risposta infiammatoria. Determinano cambiamenti metabolici, come iperlipidemia e aumento della gluconeogenesi, destinati a rifornire il sistema immunitario dei necessari supporti energetici. L'espressione del TNFα è aumentata nel tessuto adiposo degli obesi. Esso riduce la sensibilità all’insulina sia in modo indiretto, stimolando la produzione degli ormoni dello stress, che in modo diretto diminuendo la fosforilazione dell’IRS-1 indotta dall’insulina. L’Il-6 ed il TNFα sono le citochine ad azione pro-infiammatoria meglio caratterizzate, i cui livelli risultano aumentati sia nel siero che nel tessuto adiposo bianco degli obesi. L'aumento dell'IL-6 è correlato all’aumento delle proteine di fase acuta osservate nei soggetti obesi che rappresentano un marker dell'aumentato rischio cardiovascolare.

Conclusioni

Il tessuto adiposo bianco, considerato per molti anni un tessuto inerte, con la sola funzione di riserva energetica, viene oggi considerato un vero e proprio organo endocrino, coinvolto in numerosi processi fisiologici e patologici, fra cui immunità e infiammazione. In particolare numerose molecole proinfiammatorie ed antiinfiammatorie, la cui produzione nel tessuto adiposo degli obesi appare sregolata, sembrano essere coinvolte nello sviluppo dell'insulino-resistenza e nell’aumento del rischio cardiovascolare associato all’obesità.

 adipochine

 Adipokine infiammatorie prodotte dal tessuto adiposo.

 

Bibliografia essenziale

 

ultimo aggiornamento: 9 novembre 2007


invia i tuoi commenti | guida del sito | mappa del sito | policy | privacy | webmaster | copyright
Ultimo agg. 30 ottobre 2007 ©2006-2007 Società Italiana dell'Obesità - Triveneto